Agriturismo in Umbria

Eventi

Mostra di Piermatteo d'Amelia

La mostra, dedicata all'opera di Piermatteo di Lauro de' Manfredi, noto come Piermatteo D'Amelia, si innesta in quel ciclo di iniziative che hanno visto proporre al grande pubblico i grandi pittori umbri del Rinascimento.
Un vero e proprio evento che si svolge dal 12 dicembre al 2 maggio 2010, dunque, che richiama nei luoghi espositivi opere di grande pregio e valore, opere che testimoniano appieno la grande fertilità della stagione rinascimentale, sia a livello umbro che italiano più in generale.
L'esposizione si propone di restituire alla storia dell'arte un protagonista di primo piano nel panorama artistico del Secondo Quattrocento, uno dei grandi maestri del Rinascimento in Umbria, impegnato a Roma, nel cantiere vaticano, accanto a Perugino e Pintoricchio.
Il lavoro dei curatori è partito proprio dalla necessità di fare luce sull'attività umbra e romana di Piermatteo - nato ad Amelia intorno al 1448 e morto dopo il 1506 - in realtà molto documentata eppure ignorata fino alla fondamentale intuizione di Federico Zeri (1953) che attribuì all'artista opere che fino a quel momento, Roberto Longhi (1927) e Bernard Berenson (1932) avevano riunito sotto il name piece di Maestro dell'Annunciazione Gardner, confinando Piermatteo nella vasta schiera dei pittori "senza opere".
L'intuizione di Zeri sarà confermata dal felice ritrovamento documentario, nel 1985, del contratto di commissione a Piermatteo, della Pala dei Francescani di Terni.
Ecco quindi che non solo la mostra in sè, ma l'intera opera di ricerca che soggiace alla stessa, finisce per rendere giustizia ad un artista che altrimenti sarebbe rimasto relegato nell'ombra.
Simili scoperte, sebbene rare, non sono ni casuali ni impossibili, se si persegue una politica di ricerca e di salvaguardia di tutto il patrimonio culturale, compreso quello cosiddetto minore.
Ma l'evento, è tale anche per chi, riesce a cogliere e focalizzare sul maestro nativo di Amelia il senso attuale di appartenenza all'Umbria, un senso che grazie a simili iniziative si arricchisce ulteriormente.
In mostra sarà possibile conoscere il tributo del pittore all'arte di Lippi, Verrocchio, Ghirlandaio, Perugino e Pintoricchio e scoprire le testimonianze pittoriche di un dialogo tra Piermatteo e artisti a lui contemporanei.
Accanto alla mostra, allestita nelle due sedi di CAOS a Terni e della Pinacoteca di Amelia, saranno sviluppati, nella migliore tradizione delle Grandi Mostre dell'Umbria, dei percorsi sul territorio che comprenderanno le località ove sono ancora presenti le testimonianze di Piermatteo.

(Comuni)

Tipo di evento

Mostra