Agriturismo in Umbria

Comuni

Spoleto

Importante centro umbro, dal III secolo a.C. gravitò nell'orbita romana, fino a divenire colonia, con il nome di Spoletium, nel 241 a.C.
La città restò sempre fedele a Roma, soprattutto durante le guerre puniche, quando respinse valorosamente Annibale.
Intorno al 100 a.C. fu, secondo quanto riferisce Cicerone, una delle più belle e ricche colonie del centro Italia, e nel 90 a.C. fu Municipio "optime jure" iscritta alla tribù Horatia; patria di Caio Melisso, bibliotecario di Augusto.
La città seguì le vicissitudini dell'Impero: cristiana fin dal IV secolo, subì varie invasioni barbariche – vi passarono Teodorico, Belisario, Totila, Narsete.
Con l'insediamento dei Longobardi in Italia Spoleto fu posta a capo di un importante Ducato, che iniziò nel 569 con Faroaldo I.
Con la caduta dei Longobardi alla guida del Ducato subentrarono i Franchi, e quando l'impero carolingio venne smembrato, i duchi di Spoleto tentarono addirittura di conquistare la corona imperiale: il progetto non poté attuarsi per l'intervento dalla Germania di Federico Barbarossa il quale, sceso in Italia per incontrare il Papa, distrusse la città nel 1155.
Contesa tra Impero e Papato, Spoleto entrò a far parte dello Stato della Chiesa nel 1247. Dopo lunghi anni di lotte tra Guelfi e Ghibellini, la città venne pacificata dal cardinale Albornoz e divenne un centro piuttosto importante: tra i suoi governatori vi fu anche Lucrezia Borgia, nel 1499.
Spoleto attraversa secoli di storia nell'immobilismo dello Stato Pontificio, tra alterne vicende, ma sostanzialmente senza alcuna scossa fino all'occupazione francese: la città diventa capoluogo del Dipartimento del Trasimeno, superando per importanza la stessa Perugia.
Dopo la Restaurazione Spoleto è sede di Delegazione Pontificia: fino al 17 settembre 1860, quando entra a far parte dell'Italia unita.
Spoleto è città magnifica: un susseguirsi di angoli caratteristici e suggestioni storiche; un luogo in cui comprendere l'importanza del rapporto tra uomo e natura, e tra storia e paesaggio; un luogo magico, armonico, scenario perfetto per accogliere meraviglie e incantamenti del Festival dei Due Mondi.

Territorio

Collina Collina