Agriturismo in Umbria

Comuni

Preci

La Valle Castoriana, la Valle Oblita e la Valle del Campiano confluiscono, come in un crocicchio, a Preci, degno capoluogo di questo territorio, che è un vero e proprio epicentro di emergenze culturali.
Le testimonianze storico-artistiche percorrono ininterrottamente tutta la storia dell'uomo, dalle grotte preistoriche di Abeto, passando per l'Abbazia di S. Eutizio, raggiungendo le vette dei raffinati tesori contenuti nelle chiese di S. Martino e di S. Bartolomeo, rispettivamente ad Abeto e a Todiano.
Quello che sorprende in questa terra di Preci è la qualità e la quantità di oggetti d'arte presenti anche nei centri più piccoli, spesso abitati da pochissime famiglie; fatto dovuto ad una antica tradizione di emigrazione stagionale nelle lontane terre toscane: non è infrequente ancora oggi sentire inflessioni senesi o fiorentine nei dialetti locali.
Anche la scienza insieme all'arte è presente a Preci: i chirurghi preciani, specialisti in operazioni, che oggi si chiamano di microchirurgia, agli occhi e ai reni, alleviarono fin dal secolo XIV le sofferenze di malati di tutta l'Europa.

 

Il Castello in pendio risale al XIII secolo; il suo tessuto medievale è stato diffusamente rinnovato nel XVI secolo con molti palazzi gentilizi, dopo la pacificazione con Norcia nel 1550 ed in seguito alla fama acquistata nel mondo da ventisette famiglie di medici oculisti e chirurghi specializzati nell’estrazione dei calcoli, che operavano a domicilio dei pazienti, come a Londra nel 1580, la regina Elisabetta. Professionisti nei maggiori ospedali, pubblicarono opere di chirurgia e di medicina oculistica, che ebbero larga diffusione nel XVI secolo.

(Prodotti tipici)

(Artigianato tipico)

Territorio

Collina Collina