Agriturismo in Umbria

Comuni

Attigliano

Il nome rimanda ad origini romaniche, ma può trovare riferimento nella presenza di numerosi alberi di tiglio "ad tilium" sulle rive del Tevere che scorre immediatamente a valle.
La zona di origine Umbra ed Etrusca, delimitata dalla linea naturale del Tevere, ospitò le primitive popolazioni, come attestano i ritrovamenti in località Marziano Jana, dove sono state rinvenute tombe a camera e cripte.
Il castello venne fondato dai successori del Conte Offredo e, data l'importante posizione strategica, subì varie giurisdizioni in epoca medioevale: dapprima quella degli Orsini e dei Borghese, poi quella degli Alviano; era protetto da un fossato e un ponte levatoio ne permetteva l'accesso.
Sotto la signoria di Bartolomeo d'Alviano, le torri, che avevano un terrazzo merlato, vennero alzate e quella pentagonale fu dotata di una macchina da getto, detta "Bombarda"; nel XV sec. affiancato alla torre, venne edificato Il Palazzo Baronale, testimonianza di antichi splendori, successivamente ampliato nel 1540 sotto il dominio dei Farnese. Del palazzo sono ancora visibili i sei torrioni e parte delle mura perimetrali dell'impianto castellano.

Da vedere:

L'antico Castello, il cui impianto presenta cinque torri rotonde a una pentagonale da avvistamento.
La Piazza della Rocca, sovrastata da un campanile con orologio a dodici ore ad unica lancetta, evoluzione dell'orologio seicentesco a sei ore ed anteriore a quello moderno a due lancette.
La Moderna Chiesa di S. Lorenzo Martire, con vetrate artistiche in bronzo della scultrice Nadia Rognoni.

(Prodotti tipici)

(Artigianato tipico)

(Paesaggi & monumenti)

(Eventi)

(Itinerari)

Territorio

Collina Collina