Agriturismo in Umbria

Attrattive

Fonti del Clitunno

Fonti del Clitunno. Costruzione del XII secolo, eretta sul preesistente cenobio fondato dal santo anacoreta Isacco di Siria nel VI secolo e divenuto poi importante abbazia benedettina, sorge sul colle omonimo sulla strada per il Monteluco. L'interno della chiesa è a tre navate divise da tozze colonne e conserva, nell'abside, interessanti affreschi del XV secolo. Nei pressi di Campello, lungo la statale Flaminia in direzione Perugia, le fresche sorgenti del fiume Clitunno (già sacro ai pagani), celebrate nei secoli da Virgilio, Claudiano, Byron e Carducci, sono tuttora uno dei luoghi più suggestivi dei dintorni di Spoleto, un angolo di eccezionale bellezza. Il laghetto, trasparentissimo che vi si forma, nel quale si rispecchiano pioppi e salici piangenti, e la quiete soave che vi si respira fanno di questa piccola oasi di delicata, rarefatta atmosfera un luogo unico ed indimenticabile.

Poco oltre, lungo la stessa direttrice, nei pressi di Pissignano, sorge un tempietto paleocristiano del V secolo, costruito in stile classico ad imitazione dei templi romani e per questo erroneamente creduto luogo di culto dedicato al dio fluviale Clitunno. Si presenta a due livelli divisi esteriormente da una forte modanatura: al primo si accede dalla facciata attraverso un semplice portale; al secondo, che presenta un prospetto di pilastri e colonne con capitello, attraverso due porte laterali precedute da scalinata e breve portico. Si ispira, nella decorazione, alla Basilica di San Salvatore di Spoleto, pur essendo posteriore ad essa.

(Comuni di produzione)

Tipo di bene artistico/naturale

Paesaggio