Agriturismo in Umbria

Attrattive

Centro delle Tradizioni Popolari e raccolta ferromodellistica

MUSEO DELLE TRADIZIONI POPOLARI

Il Centro di documentazione delle Tradizioni Popolari è situato a Garavelle, nella casa colonica prospiciente a Villa Cappelletti. Finalizzato alla salvaguardia delle civiltà contadine e delle botteghe artigiane, fornisce una precisa idea delle condizioni di vita del passato con la ricostruzioni di ambienti di vita e di lavoro di un' epoca passata, un museo dove ogni strumento di lavoro rivive la sua storia, perfettamente ambientato dove veniva quotidianamente usato.

È uno dei primi esempi realizzati in Italia di raccolta di oggetti legati alla tradizione contadina. Ricostruisce - con mobili e suppellettili di casa, attrezzature ed arnesi da lavoro - i vari momenti della vita e delle attività agricole di tutti i giorni e delle varie stagioni nella famiglia delle campagne umbre. Vi sono documentate le lavorazioni artigianali cui erano dediti uomini, donne, ed anche ragazzi e ragazze, per garantire l’autosufficienza dell’economia domestica.

A piano terra si trova la bottega del fabbro con un bellissimo mantice in cuoio, la fucina e gli arnesi d’uso comune (pinze, molle, martelli). Di fronte c’è il travaglio per ferrare buoi e cavalli. Nelle stalle sono raccolti gli strumenti e gli oggetti per l’uso e la cura degli animali (gioghi, trinciaforaggi, finimenti e ceste).

Nella cantina sono sistemati fiaschi, imbuti, botti, tine e rari torchi.

Nel locale adibito a frantoio, oltre gli orci, le anfore per olio e le ceste, troviamo una macina di pietra e un gigantesco torchio del settecento.

Al piano superiore c’è la grande cucina, tipica della famiglia patriarcale, con il focolare in pietra annerito dal fumo. Dal soffitto pende l’uva messa ad appassire per il vinsanto. Alle pareti vi sono piccoli strumenti da lavoro di tutti i giorni (passini per pomodori, "battilarde" consunte, "grattacacie" di varie forme, setacci per la farina). Oltre al forno, c’è la madia per far lievitare il pane.

Nella camera, il letto è in ferro con gli immancabili comodini ai lati e con i santini devozionali attaccati alle pareti.

Al primo piano si trova anche la bottega del ciabattino con il deschetto, la "bicorgniola" e le forme per le scarpe.

Nella grande soffitta, a sinistra, sono stati raccolti tutti gli attrezzi necessari alla cernita e alla lavorazione dei cereali mentre sulla destra sono stati sistemati i telai, indispensabili per le necessità di abbigliamento della famiglia e tutti gli oggetti (filaretti, navette, rocche, aspi, fusi, arcolai) occorrenti per i lavori di filatura e tessitura.

 

(Comuni di produzione)

Tipo di bene artistico/naturale

Museo